Home » Comunicati Stampa » Alfredo Camisa un decennio da ‘amatore impegnato’ nella fotografia italiana
Comunicati Stampa Cultura Eventi Fotografia

Alfredo Camisa un decennio da ‘amatore impegnato’ nella fotografia italiana

Alfredo Camisa, Siesta in Sicilia, 1957 Credits: Museo Comunale d’arte moderna e della fotografia di Senigallia

Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi
presenta la mostra
Alfredo Camisa
un decennio da ‘amatore impegnato’ nella fotografia italiana
A cura di Marta Camisa
21 giugno – 10 novembre 2024
Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi
Palazzo Bisaccioni, Jesi (AN)

La Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, nelle sale di Palazzo Bisaccioni, offre al pubblico la mostra dedicata ad Alfredo Camisa, fotografo emblematico nel panorama artistico del dopoguerra. A partire dal 21 giugno 2024, si potrà visitare l’esposizione promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi in collaborazione con il Comune di Senigallia e l’Archivio Fotografico Alfredo Camisa, un’occasione preziosa per osservare da vicino gli scatti del maestro bolognese.

Alfredo Camisa
Ritratto Alfredo Camisa Archivio Fotografico Alfredo Camisa

La mostra “Alfredo Camisa, un decennio da ‘amatore impegnato’ nella fotografia italiana”, a cura di Marta Camisa, Direttrice dell’Archivio Fotografico Alfredo Camisa, si compone di trentasei fotografie provenienti dalla collezione del Museo Comunale d’arte moderna e della fotografia di Senigallia. Gli scatti vengono presentati nel percorso raccolti in serie: il visitatore passeggiando per la sala si immergerà dapprima nelle Bancarelle di Milano, passando per le Impressioni del Sud si soffermerà su Ritratti, dopo una breve sosta Dietro le quinte del Piccolo Teatro compirà un viaggio con Scatti oltre confine, visitando gli U.S.A. e la Libia.

Alfredo Camisa
Mercati all’aperto,1956 Credits: Museo Comunale d’arte moderna e della fotografia di Senigallia

Bolognese d’origine, arrivò nelle Marche grazie alla collaborazione con il Gruppo Misa, fondato da Giuseppe Cavalli, dove strinse amicizia con Piergiorgio Branzi, Mario Giacomelli e Ferruccio Ferroni, contribuendo alla costituzione dell’archivio storico del Gruppo. Si avvicinò alla fotografia perché affascinato dall’arte, iniziò seguendo la moda del tempo, deluso dalla monotonia del genere sentì l’esigenza di superare le ovattate nature morte; in lui già si mostrava già un forte spirito d’avanguardia.

Alfredo Camisa
L’uomo del bersaglio, senza data Credits: Museo Comunale d’arte moderna e della fotografia di Senigallia

Camisa indagò l’uomo negli aspetti più intimi, più umili e umani, evitando ogni pietismo. La sua fotografia fu impegno sociale diluito dall’ironia, i suoi contrasti sono il risultato di un’attenta ricerca formale in cui tutte le componenti sono misurate con precisione da chimico, quale era.

La carriera da fotografo fu una parentesi, fotografò per circa un decennio, poi smise, amareggiato dalle limitazioni del professionismo. Così nel 1961 abbandonò la pratica, lasciando un breve, ma indelebile, segno nella storia della fotografia italiana.

Alfredo Camisa
Libia, 1957 Credits: Museo Comunale d’arte moderna e della fotografia di Senigallia

____________________________________
Alfredo Camisa un decennio da ‘amatore impegnato’

A cura di Marta Camisa
21 giugno – 10 novembre 2024
Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi
Palazzo Bisaccioni – Piazza Colocci 4 -Jesi (AN)
Ingresso libero
Orari di apertura: lunedì – domenica 9:30-13:00 / 15:30-19:30
Tel 0731 207523 – email info@fondazionecrj.it – www.fondazionecrj.it
UFFICIO STAMPA Maria Chiara Salvanelli | Press Office & Communication
Maria Chiara Salvanelli
Mob +39 333 4580190 – email mariachiara@salvanelli.it

Redazione

Redazione

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments