Home » Cultura » Donna Olimpia. Il fantasma più famoso di Roma.
Cultura Tour

Donna Olimpia. Il fantasma più famoso di Roma.

Olimpia Maidaichini in Pamphilj, nota come Donna Olimpia o altrimenti la Pimpaccia è uno dei personaggi che hanno lasciato il segno nell’immaginario dei romani.

Nata a Viterbo nel 1592 da un capitano che, in seconde nozze, aveva sposato la figlia di un marchese.
Le risorse familiari non erano molte e si era deciso di mandare tutte le figlie in convento, per risparmiare sulla dote.

Donna Olimpia
Roma – Palazzo Pamphili

Olimpia però aveva un caratterino niente male, accusa di seduzione il suo padre spirituale e sposa il facoltoso Paolo Nini, che presto la lascia vedova.
Ambiziosa e disposta a tutto, sposa in seguito Pamphilio Pamphilj, più vecchio di quasi trent’anni, non molto ricco, ma appartenente ad una famiglia di una certa importanza a Roma.
Il sostegno economico di Donna Olimpia permette al cognato una bella carriera che lo porta a diventare papa: il famoso Innocenzo X.

Nell’ombra tramava la nuova “papessa” e la famiglia acquistò prestigio e molta, molta ricchezza.

Donna OlimpiaIl popolo non l’amava e probabilmente neanche la nobiltà romana, che la riteneva una arrampicatrice sociale (immaginatela un po’ come la cugina romana di Lady Featherington).
Lazzi, scherzi e motti di spirito accompagnavano il suo nome e spesso la statua di Pasquino portava cartelli che ne ricordavano la poca virtù.

Denunce su denunce si susseguivano contro di lei, accusata di falsificare i documenti e far man bassa del denaro della Chiesa.

Morto il papa, scappò da Roma con varie casse d’oro e alla richiesta di partecipare alle spese per il funerale del pontefice di famiglia, rispose che era “una povera vedova”.

Da viva era stata al centro di ogni tipo di maldicenza, ma da morta verrà trasformata nel più pericoloso dei fantasmi romani!Donna Olimpia

Nelle notti buie e tempestose una carrozza nera si lancia fuori dal Palazzo di piazza Navona e, passando per Trastevere, arriva a villa Pamphilj.
Se incontra qualcuno lungo il percorso, soprattutto se giovane e bello, se lo prende e lo porta chissà dove !!!

La famiglia in casa ha ancora il ritratto che le fece l’Algardi ed in effetti fa un po’ timore. La prima volta che lo vidi, pensai fosse la Regina di Alice!

Per informazioni sulla visita guidata vai al sito di Yes Art Italy

Leggi anche
Fantasmi dell’Appia Antica
Massenzio, chi era costui?
Campo de’ Fiori…beato te!
La triste storia del Cardinale Rampolla
SAN MARTINO DE NOANTRI
Il Fornaio di Borgo Pio
Una straordinaria storia d’amore conclusa all’Aracoeli

Avatar

Cristina Vuerich

Si è laureata con lode in Lettere, presentando una tesi in Etruscologia e ha frequentato con profitto i tre anni della Scuola di Specializzazione in Archeologia, in entrambi i casi presso l’Università di Roma “Sapienza”. Ha lavorato per molti anni in una libreria specializzata in archeologia e successivamente presso una casa editrice che si occupa di saggistica. Tramite queste attività ha avuto l’opportunità di essere costantemente aggiornata sulle novità riguardanti la Città Eterna. A partire dal 2001 ha portato avanti un'attività parallela come guida turistica, collaborando con agenzie operanti sul territorio, istituzioni e privati, in questa attività riversa tutta la sua passione, per comunicare la bellezza e l’importanza storica di Roma. Collabora con l'associazione Yes Art Italy ed è redattrice per BloggingArt.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments