Home » Leggimi » Storie di Aghi e Merletti: Rosso pompeiano
Leggimi Visual Artists

Storie di Aghi e Merletti: Rosso pompeiano

STORIE DI AGHI E MERLETTI E ….

Rosso pompeiano

Illustrato da Sabina Sadiku

Succede che si cerca una cosa e se ne scopre un’altra.
La sera si sbronzavano di nascosto ad Al Hillah e di giorno facevano finta di scavare a due passi da Nippur.

Diciamolo francamente, in quel mare di sabbia di Sargon I e del suo impero non gliene fregava un cazzo. Tra un bagno nel Tigri ed uno nell’Eufrate era solo questione di testa o croce ma la relazione che inviarono fu chiara e la storia raccontata è presto detta o meglio, scritta e letta:

Breve descrizione del sito archeologico.
rosso pompeiano

La sabbia nel sito in questione è di uno strano color rosso pompeiano (per analogia archeologica). Cappelli con piume di struzzo e brandelli di abiti in seta d’ottima fattura (forse alta moda tipica dell’epoca) appaiono un po’ ovunque insieme a parti scheletriche umane d’ogni tipo, in alcuni casi femminili (le chiameremo “modelle” per comodità d’esposizione).
Abiti militari e residuati bellici di ogni genere e grado sembrano avvalorare la tesi d’un conflitto tra opposte fazioni (vedi tipologia divise militari e berretti che si distinguono per la mancanza delle sopraccitate piume).
Lo scheletro d’un giovane (lo chiameremo per comodità “stilista”) risulta ancora vestito e posizionato in modo stravagante, sicuro segno d’una grande personalità.

Scheletri di uomini e donne in abiti che chiameremo civili sono distesi su drappi di tessuto a righe arcobaleno.

rosso pompeiano

Possibile ricostruzione dell’accaduto.
Appare evidente trattarsi d’un defilè di moda svoltosi in un campo minato (non raro per l’epoca in queste regioni). L’esame dei crani e le valutazioni morfo/espressive lasciano intendere la volontarietà dell’azione (vedi sorrisi “modelle” e gesto in segno di vittoria dello “stilista”).

rosso pompeiano

Il pubblico era costituito da due opposti schieramenti militari e da una delegazione internazionale di pace (vedi bandiere) intervenuta per la speciale occasione.
L’entrata di ogni modella era scandito dalla sua scomparsa vera e propria per esplosione mina a lei assegnata.
L’implosione del sito (sommerso da circa 20 metri di sabbia) è dovuto alla successiva rapidissima battaglia tra le due fazioni militari (vedi membri della delegazione di pace in chiara ma non riuscita posizione di fuga).

Lo stilista, probabilmente psicologicamente frustrato dai tempi di guerra, e le modelle che lo hanno assecondato hanno voluto forse fornire una loro ultima e personale rappresentazione di sicuro impatto creativo.
La cronologia dei fatti risulta la seguente: 2003 d.c.

Racconto facente parte della raccolta “Storie di Aghi e Merletti” pubblicata integralmente, circa un decennio fa, in cinese mandarino su Il Tempo Europa Cina (Ou Hua Shi Bao), un settimanale fondato nel 1996 e dedicato alle comunità cinesi in Europa e in Italia. Questa breve raccolta, costituita da otto racconti, illustrati e pubblicati ora su BloggingArt , era tesa a raccogliere, in forma originale e creativa, le speranze delle nuove generazioni di cinesi che qui in Italia nutrivano il sogno, oggi in molti casi concretizzatosi, di inserirsi nel mondo della moda e non solo.

Le illustrazioni che accompagnano il racconto sono di Sabina Sadiku – sabinasadiku26@gmail.com@_wabi_s_

Leggi anche:
Storie di Aghi e Merletti: Sichouzhilu 
Storie di Aghi e Merletti: The back of the backstage
Storie di Aghi e Merletti: La sana vendetta

Circa l'autore

Paolo Valentini

Paolo Valentini

Drammaturgo, scrittore e giornalista. Nel teatro numerose sono le opere andate in scena. Di rilievo quelle facenti parte del “Progetto ItinerArte” con opere sul Maderno, Tiziano, Caravaggio, Leonardo, Michelangelo, Raffaello e Botticelli. Dallo sviluppo di un reportage giornalistico prende forma la trilogia teatrale “Stati di Normale Euforia” pluripremiata in vari festival teatrali. Per la narrativa ha pubblicato, “Il piccolo, Piccolo principe” (Becco Giallo Edizioni); graphic novel che prende spunto dal capolavoro di Saint-Exupéry per farne una dissacrante graphic story sul Berlusconismo. Ha pubblicato “L’Amore di Ago e Spilla” (Matisklo Edizioni); graphic novel che narra la shoah in forma metaforica e la raccolta illustrata di racconti “America in agrodolce” riguardante gli atti terroristici dell’11 settembre del 2001. Nel 2015 pubblica “Sofia Guidi – Escort” (Eroscultura Editrice); lungo romanzo erotico nel quale si assiste alla trasformazione di una signora della buona borghesia romana, Sofia, in excort di lusso. Nel 2016 pubblica la fiaba illustrata “La Shoah spiegata ai bambini” (Becco Giallo Edizioni).

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments